ZonaFranca24

Comparto scuola. Incontro del sindaco Naso con i dirigenti e i sindacati

Autore:

Condividi

Al quinto piano del Palazzo di Città si è tenuta una riunione-fiume tra il sindaco Nino Naso, le parti sindacali e i dirigenti scolastici paternesi. Nel dettaglio il sindaco Nino Naso, i rappresentanti di CISL, CGIL, l’assessore alla Pubblica Istruzione Francesca Chirieleison ed il responsabile alla Pubblica Istruzione per discutere delle problematiche afferenti alla riapertura dell’imminente anno scolastico. LA CGIL-FLC e la CISL-FISA palesano entrambe le  perplessità sulla didattica a distanza ed auspicano la didattica in presenza. Si è inoltre affrontata la problematica relativa agli assistenti igienico personali e servizi specialistici. La CGIL-SCUOLA ha fatto il punto sulle problematiche di tutta la popolazione scolastica ed ha elogiato l’operato del Comune di Paternò nei confronti del comparto scuola. 

È stata puntualizzata la necessità di una verifica sulla situazione delle classi a Paternò e sulla manutenzione degli Istituti. Viene auspicato che alunni, genitori ed insegnanti trovino ambienti favorevoli e agibili per l’insegnamento. Nel suo intervento il sindaco Nino Naso ha palesato le sue perplessità ed ha evidenziato le iniziative intraprese dall’Ente Comunale volte a preparare un terreno percorribile ed interessato a rendere possibile una frequenza scolastica consona. Inoltre il capo dell’ Amministrazione ha fatto il punto della situazione sul servizio di trasporto degli alunni: non volendo incorrere in equivoci, auspica fortemente un atteggiamento serio da parte di tutti nell’affrontare tali problematiche, non escludendo un coinvolgimento della Regione per quanto di sua competenza. Durante il suo intervento il sindaco ha anche fatto un passaggio sulla ristrutturazione delle scuole e sul fatto che queste siano state incontrate singolarmente e non attraverso un dialogo continuo con i dirigenti scolastici di ogni ordine e grado. 

Nel suo intervento la CISL ha parlato delle linee di indirizzo stilate da CISL e CGIL sulle politiche sociali e scolastiche, manifestando altresì la sua forte preoccupazione relativamente l’inizio del nuovo anno scolastico e la ripresa delle attività didattiche in presenza, tenuto conto che la DAD non garantisce il pieno diritto allo studio; fatto per il quale non è ipotizzabile la sua applicazione al di là del periodo emergenziale dovuto al Covid-19. Nell’immediato, per quanto sopra espresso, è stato proposto un confronto con l’Ufficio Provinciale Scolastico, ASP ed Enti Locali per affrontare questi ed altri argomenti. Dal canto suo il sindaco Naso ritiene utile un’azione unitaria di tutti gli attori degli Enti Locali, nonché patti territoriali tra Scuola, sindacati e Sociale. 

Nel suo intervento, infine, la CGIL ha auspicato che il prefetto di Catania si intesti il percorso e che lo Stato faccia la sua parte. A tal proposito è stato reputato incongruente nel merito il parere del CGA. Pertanto – secondo la CGIL – occorre una cabina di regia che tenga conto di un percorso fattivo ed efficace congiuntamente ad ASP e Ufficio Scolastico Provinciale. Infine è stato proposto un aggiornamento per un tavolo distrettuale pilota con la partecipazione di sindaci, Ufficio Scolastico Provinciale e ASP per giorno 13 agosto alle ore 11:00 presso la Biblioteca comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *