ZonaFranca

Vino e turismo, il binomio vincente. L’esperienza di winerytastingsicily.com

Per gli amanti dei prodotti enogastronomici la Sicilia rappresenta una meta ambita e un settore che da solo vale 2,5 miliardi secondo il Rapporto 2019 sul turismo del vino in Italia. Il wine lover in Italia spende mediamente al giorno 155 euro, se pernotta sul posto, e 80 euro se trattasi di un escursionista giornaliero. Il turismo sulle strade del vino, dunque, potrebbe rappresentare un volano per l’economia, complice anche l’aumento della qualità delle produzioni del vino. 
Zona Franca ne ha discusso con Dario Costanzo e Santa Di Mauro, che insieme curano il portale winerytastingsicily.com dedicato a chi vuole provare l’esperienza di una degustazione in grado di  coinvolgere tutti i sensi, dal  palato alla vista. 
“In Sicilia il turismo del vino è sempre più sviluppato- dice Dario Costanzo–  dalle zone dell’Etna al trapanese, da  Pantelleria a Salina,  le  opportunità di fare belle degustazioni non mancano.  La visita in cantina con degustazione è, infatti, un modo alternativo di godersi una giornata autunnale, tenuto conto anche delle limitazioni che le norme anti-Covid impongono”.  
Nell’era della sostenibilità il binomio paesaggio siciliano e qualità dei suoi prodotti sembra ancora più indissolubile. 
“Viaggiare e visitare le cantine è un modo sostenibile e divertente di conoscere il paesaggio siciliano godendo di prodotti eccellenti come il vino e cibo genuino, tipico della nostra tradizione. La maggior parte delle cantine siciliane è attrezzata per questo tipo di esperienza ed è molto attenta ai protocolli covid. Le esperienze sono private e tra  ottobre e novembre  è possibile anche apprezzare tutta la bellezza dei colori autunnali”. 
Per scegliere un’esperienza di degustazione di vini può essere utile  consultare il portale www.winerytastingsicily.com, che offre percorsi adatti a ogni tipo di esigenza, sia per gli escursionisti giornalieri che per i più esigenti che vedono nel wine relais un modo per visitare le strutture ricche di cultura,  con tutti i comfort di una vacanza all’insegna del relax,    con visita della vigne, degustazione in cantina, cena e pernottamento. 
In Sicilia esistono cantine tra le più competitive in Italia e in Europa: gli importanti riconoscimenti che i vini siciliani hanno avuto nei prestigiosi concorsi nazionali ed esteri, ne sono una testimonianza concreta. 
Abbiamo chiesto a Santa Di Mauro quali sono i vini più apprezzati ?
“Sicuramente i vitigni autoctoni come il Nero d’Avola, il Frappato, il Cerasuolo di Vittoria, il Nerello Mascalese, l’Inzolia, il Catarratto, il Grecanico, lo Zibibbo, il Passito di Pantelleria, il Grillo, il Carricante solo per citarne alcuni, riconosciuti in tutto il mondo per il loro terroir unico e prestigioso”. 
Attraverso il portale winerytastingsicily.com è possibile, in modo semplice, selezionare le migliori degustazioni di vini da effettuare nelle cantine siciliane delle diverse zone geografiche, concordando direttamente con il produttore la data della visita in cantina e  gli eventuali  servizi di hospitality . 
“L’intento è quello di far conoscere e valorizzare la realtà enoturistica siciliana permettendo al turista di portare nel cuore i vigneti siciliani e i suoi prodotti”. 
La pandemia ci ha insegnato a vivere di piccole cose, godendo dei profumi della terra, dei sapori del nostro cibo, o più semplicemente del piacere di una passeggiata tra i campi, mano nella mano. La memoria di queste riflessioni ci accompagni per la vita. 
Visita il portale : https://www.winerytastingsicily.com/it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *