ZonaFranca

Al via la prima edizione di Rainbow Free Day

Autore:

Condividi

Madrina della manifestazione Tosca, fra gli ospiti Roby Facchinetti, Francesco Baccini, Claudio Bisio, Red Ronnie, guest international Sophie Auster

Oltre 500 artisti coinvolti in Rainbow Free Day, lo spettacolo degli indipendenti.
Fra tanti nomi anche alcuni siciliani presenti, a partire dall’avv. Claudia Barcellona, coorganizzatrice della manifestazione e fondatrice di Terapia Artistica Intensiva, Mario Incudine, Marinella Fiume, Fulvia Toscano, Francesca Biundo, Salvatore Borzì, Carlo Panebianco, Adriana Tomasello, Salvatore Papa, Antonino Triolo, Fabio Abate, e gli artisti dell’etichetta discografica Musica Lavica Records capitanata da Denis Marino ( Andreazzurra, Domenico Quaceci, Dinastia, Lina Gervasi, Luca Di Stefano, Manutsa, Luigi Iarocci).
In un momento storico di grande sofferenza per il mondo della cultura e dello spettacolo si è sentito il bisogno di organizzare una manifestazione con il duplice intento di sensibilizzare le istituzioni e la collettività sull’importanza della produzione artistica indipendente come luogo di sperimentazione in perenne evoluzione, libero perché non sottoposto alle logiche di mercato che indirizzano l’operato dei grandi player, dall’altro,  offrire un’occasione anche economica ai protagonisti della filiera, dando loro la possibilità di mettere in vendita, ad un prezzo scontato le loro produzioni, come fosse un lungo black friday della cultura indipendente.
Dal 15 al 30 gennaio, dunque, una vasta gamma di proposte artistiche e culturali in offerta e un palinsesto ricchissimo di appuntamenti, dalle 10 del mattino a mezzanotte.
La manifestazione ha suscitato un consenso importante da parte non solo di tantissimi artisti (500 aderenti) ma anche dai media nazionali e supporter, fra cui Siae e  NuovoImaie, che insieme a Rai Radio Live e alle piattaforme Optimagazine e Dice e Futura, hanno aderito entusiasticamente al progetto, ma anche molti altri fra cui  Allmusic Italia, Radio Rock e Radio Popolare.  
È possibile consultare il programma completo, conoscere le proposte in offerta e seguire gli eventi in palinsesto sul sito ufficiale www.rainbowfreeday.com, sulle pagine social della manifestazione e quelle collegate, oltre che sulle piattaforme già menzionate.

Ogni giorno alle 11 The Best of Slow club, un rotocalco libero ed indipendente realizzato da Slow Music con la partecipazione di tantissimi ospiti: scrittori, musicisti, attori, danzatori, registi.

Alle 12.00 sarà il momento dedicato ai negozi di dischi e di strumenti musicali  

Alle 15.00 in programma lo spazio dedicato ai festival e alle etichette discografiche 

Alle 16 spazio cinema

Alle 18.00 è il momento di Due chiacchiere con…  

Alle 21.00 spazio per i Live Rainbow  

Alle 23.00 L’Approdo, incontri d’arte e letteratura

Fra i promotori dell’iniziativa: Claudia Barcellona, (avvocato dell’arte, spettacolo, beni culturali, Presidente Terapia Artistica Intensiva – Diritto e Arte),  Giuliano Biasin (Amministratore di Esibirsi Soc. Coop), Roberta Carrieri (Cantautrice, attrice e ventriloqua), Piero Cademartori (editore e social media manager), Massimo Della Pelle (Segretario AudioCoop), Simona De Melas (Consulente in marketing digitale, comunicazione e management), Claudio Formisano (Presidente Cafim Italia e Amministratore Unico Master Music Srl), Luca Fornari (ATCL Lazio), Jonathan Giustini (Promotore Giornalista e Scrittore e Conduttore Radiofonico, Carta da Musica), Walter Giacovelli (Musplan), Michele Lionello (Voci per la Libertà, Rete dei Festival), Giuseppe Marasco (CEO di Calabriasona e italysona e Coordinatore di It – Folk), Matteo Marenduzzo (Label Manager Dischi Soviet Studio / Musicista), Renato Marengo (AIA – Classic Rock on Air), Mattia Pace (Marketing & Management),Lorenza Somogyi Bianchi (Responsabile Ufficio Stampa & PR- Studio Alfa), Giordano Sangiorgi (Presidente Mei – Meeting Etichette Indipendenti), Marco Testoni (Soundtrack City, Musa TV),  Claudio Trotta (Fondatore Barley Arts e Slow Music), Giorgio Zanolini (Tavolo Permanente delle Federazioni Bandistiche Italiane), Rita Zappador (Imarts).

Fra i principali sostenitori anche: Agimp (Associazione Giornalisti e critici musicali), ATCL Lazio,  Aedi (Associazione Editori Italiani Letterari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *