ZonaFranca

Un verso e un incipit: Angelo Scandurra e Jonathan Franzen

la-passeggiata-1917-18

Autore:

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook

Ogni cuore è solo, unico, irripetibile,

e ogni cosa ha il proprio cuore

solo, unico, irripetibile.

Angelo Scandurra – Poesie 

NOTA:

Angelo Scandurra siciliano, del 48, di Valverde. È entrato nella morte a passo breve lo scorso gennaio. Editore raffinato, intellettuale brillante, promotore di iniziative culturali di pregio. Poeta di grande rigore e bellezza, “è una questione di fiato la vita, l’amore, la morte”. Spettinato, visionario, appassionato, alto nell’aspetto e nell’animo. Roco e tonante nella voce. Sincero nel cuore e amaro nella lucidità. Aveva sempre un libro da donare, era una folata di vento. 

A sette anni intuiva già che quel senso di futilità sarebbe stato il chiodo fisso della sua vita. Un’attesa monotona e poi una promessa infranta. La sgomenta comprensione di quanto fosse ormai tardi. 

Jonathan Franzen – Le correzioni 

NOTA:

Jonathan Franzen, scrittore americano dell’Illinois, 61anni. Lucido osservatore della realtà: “L’integrità è un valore neutro. Anche le iene hanno una loro integrità. Sono iene allo stato puro”. Qui c’è una famiglia scardinata nella sua compostezza. C’è lo sfacelo della società che siamo, il bisogno di credere che tutto vada bene e l’illusione che le cose si possano aggiustare. “Il paradiso e l’inferno ce li creiamo da soli”. 

Ultimi Articoli