ZonaFranca

MY MINI ME: QUANDO “METTERSI NEI PANNI” DIVENTA UN LAVORO!

PHOTO-2021-02-05-16-53-39 Cropped

Autore:

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook

La creatività ripaga sempre!  Tutto è nato per caso, dalla richiesta del figlio di fare un regalo ai propri allenatori di rugby, sono nate delle piccole riproduzioni ovvero delle bambole di stoffa, cucite con dei dettagli che contraddistinguevano gli istruttori. “È nato proprio nell’intento di fare un regalo per Natale, che fosse originale e particolare. Così sono nate le My Mini Me – racconta Giuliana Bruno creatrice delle bambole di stoffa – Dall’entusiasmo di aver ricevuto un dono originale è iniziata la mia meravigliosa avventura”.  Le riproduzioni sono state sempre più perfezionate, portando Giuliana a mettere cuore e anima, in ogni creazione, dando particolare attenzione ai dettagli. “Sono i dettagli che fanno la differenza nel ricreare l’immagine in formato “bambola” di una persona – continua a raccontare Giuliana – ogni richiesta parte da un racconto, da storie personali che vogliono prendere vita attraverso una bambola che rappresenta una persona cara, un affetto, un messaggio, così le persone dalle più diverse, mi contattano per avere una Mini-MeAd oggi ho riprodotto quasi duecento bambole, tra cui anche alcuni personaggi noti che hanno avuto in regalo la mia Mini Me, portando allegria e autoironia nel loro mondo!”. Una vera e propria passione quella di Giuliana, che ha trovato in questo la sua realizzazione artistica e di chi ama il contatto con le persone.  La caratteristica del suo modo di lavorare è proprio quello di ascoltare e cercare di trovare il messaggio giusto che ogni bambola deve portare con sé. La diversità con le altre bambole è proprio data dall’uso di pannolenci, della tecnica del dipinto a mano anche del viso, che non è una riproduzione esatta ma che nell’insieme riproduce il dettaglio, la particolarità della persona per cui si è richiesta la creazione. “E’ come uno specchio che riprende la parte più gioiosa e divertente della persona” E ‘cosi che Giuliana Bruno mi ha raccontato la sua storia.  Quello che dicono di lei, le persone che hanno avuto modo di conoscerla, è quella di una donna che nel lavorare, guardando le foto, conoscendo la vita e le particolarità delle persone da riprodurre, vede oltre, tanto da riuscire a mettere nella stoffa dipinta le storie di ognuno.  Se si realizza un successo tra le cuciture e i pennelli significa che i sogni ancora esistono! Contatto Facebook  di Giuliana Bruno   https://www.facebook.com/MiniMe.gb/.

Ultimi Articoli