ZonaFranca

Discarica abusiva presso il Castello di Poira, la denuncia del Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto

Autore:

Condividi

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa del Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto che denuncia la presenza di una discarica abusiva nei pressi del Castello in Contrada Poira:

“Ci arriva la segnalazione della presenza di una discarica abusiva nei pressi del Castello di Contrada Poira, in territorio di Paternò, lungo un’antica via del grano che da Centuripe arriva fino al Simeto.
Il paesaggio rurale siciliano è costantemente deturpato da ingenti quantità di rifiuti, spesso speciali e pericolosi, che vengono rilasciati illegalmente anche in prossimità di siti che per il loro indubbio valore storico, archeologico e naturalistico meriterebbero una sorte decisamente migliore.
Ne è un triste esempio l’importante area di rilevante interesse storico, archeologico e paesaggistico, denominata Poggio Cocola, in cui insiste il Castello di Poira.
La struttura del Castello, ad oggi, versa in gravi condizioni di degrado, anche a causa dei continui saccheggi e dei numerosi scavi clandestini.
La discarica, tuttavia, è una novità!
Comparsa nell’ultimo mese all’interno del piazzale del Castello, essa è principalmente composta da una considerevole quantità di copertoni, di manufatti di cemento-amianto, di scarti di inerti edili e tracce evidenti di precedenti combustioni. 
Tali condotte configurano chiaramente un illecito penale punibile ai sensi della normativa vigente, per cui ci riserviamo di sollecitare e supportare, come società civile, le autorità preposte affinché si sollevi la questione nelle sedi opportune e si prendano gli adeguati provvedimenti.
Venire a conoscenza di una tale situazione ci lascia particolarmente sgomenti, soprattutto alla luce del percorso del Patto di Fiume da anni in atto nella Valle del Simeto e che oggi si concretizza con il progetto di un Ecomuseo del Simeto, importante occasione per le comunità locali di continuare a costruire un processo di sviluppo e crescita sostenibile fondato sulla valorizzazione del patrimonio territoriale e del paesaggio.
Il Castello di Poira e l’area circostante di Poggio Cocola sono stati, infatti, individuati come punti di interesse per la comunità  e inseriti dagli stessi cittadini all’interno di itinerari e progetti dell’Ecomuseo del Simeto, di cui recentemente è stata trasmessa l’istanza di riconoscimento alla Regione Siciliana.
All’amarezza dovuta agli intollerabili atti di inciviltà, che qui denunciamo, si contrappone la determinazione – sempre più convinta e diffusa – da parte dei soggetti attivi del territorio  a voltare pagina definitivamente ed a costruire un’alternativa possibile in cui a nessuno sarà più consentito di deturpare e distruggere i nostri Beni Comuni.
Crediamo fortemente che siano proprio iniziative come quella dell’Ecomuseo del Simeto – oltre ai tanti progetti già finanziati ed avviati dalla rete territoriale del Presidio Partecipativo del Patto di Fiume – a rappresentare alcune tra le poche vere soluzioni a lungo termine, che, oggi più che mai, trovano un ampio coinvolgimento non soltanto delle realtà del Terzo Settore della Valle del Simeto, ma anche delle Amministrazioni Comunali di 11 centri simetini, delle Istituzioni Universitarie e degli Enti di Ricerca”.

Il Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto

Legambiente circolo Etneo

Biodistretto Valle del Simeto

Agorà  Fattoria Sociale

Associazione cinema&musica La Locomotiva

LUPU Sezione di Catania

Terre della Biosfera

SudS – Stazioni unite del Simeto

Coop. Koinè

Vivisimeto OdV

Associazione culturale cantastorie Busacca

Associazione grand tour del XXI secolo

Cultura&’Progresso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *